Il cambiamento, la sorpresa, la meraviglia! Catapultati dal vissuto quotidiano sulla scena contemporanea dell'arte visiva e dello spettacolo, sono i tre punti saldi del Festival Maravee. Giunto alla sua 15° edizione, annuncia al pubblico un'imperdibile esperienza da protagonisti, perché l'arte, insinuandosi nelle trame della vita, parla di tutti noi e lancia un invito a mettersi in gioco.

Intitolato Maravee Ludo, il progetto 2016, che trasuda di linguaggi contemporanei strizzando uno sguardo giocoso alla società di oggi, inaugura una formula più frizzante ed energica. All'insegna del movimento e della partecipazione, s'incentra su numerosi eventi performativi che dialogano in presa diretta con il pubblico e su opere interattive che sollecitano l'esperienza ludica elevando lo spettatore ad attore della scena creativa. Invitato a seguire le regole dei giochi, a riattivare i protocolli artistici, diverrà esso stesso giocatore nel gioco dell'arte. Grazie alla partecipazione di artisti soprattutto italiani - perché il coinvolgimento ludico emerge in forza nel DNA del Bel Paese – ma anche argentini e californiani, invitati a intervenire con progetti in qualche caso distribuiti in più location.

Facendo leva sulla più nota analisi antropologica del gioco, quella dello storico olandese Johan Huizinga che, riprendendo Kant, nel 1938 in Homo Ludens esamina il gioco come fondamento di ogni cultura e di ogni organizzazione sociale, il Festival approda al concetto filosofico di "gioco come simbolo del mondo". E a suon di simboli suddivide le ambientazioni scenografiche di videoinstallazioni, sculture, dipinti e performance nelle quattro categorie individuate dal sociologo Roger Caillos per classificare i giochi: Competizione, Azzardo, Simulacro, Vertigine. Un viaggio intrigante - che affronta il tema del gioco con l'attenzione dedicatagli nel tempo da filosofi, sociologi e antropologi - tra mostre, performance e incontri in ben 11 location: dalla spiaggia al castello e palazzi friulani, fino al museo sloveno, all'Università di Bologna e al Politecnico di Milano.



info@progettomaravee.com



PROGETTO MARAVEE su Facebook

MARAVEE LUDO 2016


PROSSIMO APPUNTAMENTO

VERTIGINOSAMENTE

INAUGURAZIONE Sabato 21 gennaio 2017 / ore 18.00
Museo Civico di Palazzo Elti
Gemona del Friuli (UD)

Opere di Michelangelo Bastiani, Daniel González, Anna Galtarossa
Performance di e con Martina Tavano

Questa mostra fa leva sulla Vertigine intesa come perdita di lucidità nell’abbandono all’ebbrezza. Una vertigine sottile e mentale, azionata nello spettatore da opere che la elevano sul fronte della mimesi. Come afferma Caillois, infatti, spesso questa categoria del gioco entra in contatto con la capacità mimetica, per esempio nell’utilizzo di maschere che nei riti sacri dei popoli primitivi confluivano in stati di trance o estasi in un visibile capovolgimento della vita quotidiana.
Il lavoro dell’argentino Daniel González, sorto da una ricerca sul rito della celebrazione, crea mondi deliranti, sexy e pieni di energia: spazi di libertà dove le convenzioni esistenti collassano e i simboli della società contemporanea, il packaging dei prodotti-icona si vestono di paillettes e diventano altro da sé. Opere che dal lavoro certosino di forme essenziali ricoperte dal preziosismo di minute tessere sgargianti, sfociano sul fronte del design suggerendone l’utilizzo come luogo d’incanto floreale.
La vertigine negli ologrammi di Michelangelo Bastiani fa leva sulla mimesi del paesaggio e del corpo, in una riduzione di scala che ricalca il dinamismo del vero catapultando lo spettatore in un mondo vertiginosamente improbabile. Come negli alambicchi in cui vapori, fumi e liquidi disegnano il fiabesco passaggio dal microcosmo della chimica al macrocosmo della meteorologia; o come nella nuvola portatile, sospesa magicamente come una conserva da tenere in appartamento.
Dopo l’esposizione al Castello di Susans, si ripropongono a Gemona due delle opere di Anna Galtarossa, che dalla vertigine dei sui Fantasmi rotanti approda all’azzardo del gioco che ammicca al caso e al destino nell’utilizzo di materiali disparati, consegnati a nuova vita nella giocosità del quotidiano.